Casse e banche

Condividi:

1 – Circolarizzare tutte le banche ( vedi sotto esempio di circolarizzazione) con cui la Società ha intrattenuto rapporti nel corso dell’esercizio attraverso l’apposita lettera di circolarizzazione.
2 – Accertarsi che siano stati inclusi tutti i conti bancari informandosi presso il personale della Società e rivedendo le carte di lavoro del periodo precedente. (Es. hai il conto con American Express e non sai se viene supportato per la circolarizzazione?)
3 – Effettuare (o verificare) tutte le riconciliazioni dei conti bancari prestando particolare attenzione a quelle operazioni non registrate dalla Società.
4 – Attraverso gli estratti conto:   a) riscontrare i versamenti in transito risultanti dalle riconciliazioni bancarie con gli estratti conto accertandosi che la differenza temporale intercorrente tra le diverse date di registrazione sia ragionevole;   b) accertarsi che gli assegni emessi con data precedente alla data di bilancio siano ricompresi nelle riconciliazioni e siano poi tracciati agli estratti conto successivi alla data di chiusura;   c) indagare sugli assegni in circolazione di importo rilevante non incassati entro un periodo ragionevole;   d) verificare la ragionevolezza ed il corretto trattamento contabile delle altre poste in riconciliazione
5 – Al ricevimento delle lettere di conferma dalle banche:    a) riscontrare la corrispondenza di tutti i saldi confermati con le riconciliazioni preparate dal cliente;   b) verificare che gli altri dati confermati dalla banca (cambiali passive, sbf, garanzie prestate) siano propriamente contabilizzati o adeguatamente evidenziati nelle note illustrative o nei conti d’ordine;   c) verificare che tutti gli interessi risportati sulle conferme siano stati correttamenti rilevati in bilancio dalla Società.
6 – Accertarsi che i trasferimenti tra banche avvenuti prima e dopo la data di bilancio siano stati correttamente contabilizzati.
7 – Rivedere la classificazione e la descrizione delle voci riflesse in bilancio per accertarsi della corretta esposizione delle poste (per es. non è accettabile effettuare compensazioni tra conti attivi e passivi).
8 – Verificare la correttezza e la continuità di applicazione dei principi contabili adottati sui conti banca.
9 – Se vi sono conti bancari in valuta verificare la correttezza del calcolo del relativo “Fondo di oscillazione cambi”. Tracciare inoltre i dettagli del fondo alle risposte bancarie.
10 – Riportare su una scheda riepilogativa tutte le informazioni bancarie ritenute significative (garanzie, tassi, fidi, titoli depositati) e accertarsi della loro correttezza.
11 – Verificare i prestiti ricevuti nel periodo con le contabili bancarie, i contratti o altra documentazione di supporto.
12 – Se applicabile effettuare il conteggio fisico di cassa alla presenza di un responsabile della Società e compilare l’apposito modello di “inventario di cassa”.
13 – Effettuare la riconciliazione del saldo “cassa” con il Libro di cassa.
14 – Controllare che l’indebitamento bancario sia coperto dai fidi assegnati dalle singole banche.
15 – Raccordare i saldi delle lead cassa, banche e finanziamenti con il bilancio e le relative note.
16 – Assicurarsi che gli argomenti più significativi emersi dal lavoro di revisione di cassa e banche siano adeguatamente rilevati e documentati per l’inclusione nella Lettera alla Direzione.
17 – Assicurarsi che tutti gli argomenti che richiedono il parere della Direzione siano adeguatamente rilevati per la loro inclusione nella “Lettera di Attestazione”.
18 – Redigere l’apposita caposcheda di sezione riportando le eventuali note ed osservazioni o aggiustamenti proposti ed inserirla all’inizio della sezione “cassa e banche”.

Leggi Anche  Bonus amianto: come richiedere la detrazione fiscale

Circolarizzazione – Banche

Esempio di circolarizzazione Banche fonte: revisione.splinder.com

Spett. Banca ___________________________________

Sede di _________________________________________
Vi preghiamo di confermare direttamente ai nostri revisori contabili, ______________________ , le operazioni che avevamo con Voi in corso alle ore 24 del giorno __ __ ____. Pertanto Vi autorizziamo, anche in deroga alle norme ed alla prassi relativa al segreto delle operazioni bancarie, a fornire ai predetti nostri revisori contabili le seguenti informazioni:

1) Un elenco di tutti i conti attivi, dei conti passivi, dei prestiti, dei depositi, delle anticipazioni, ecc., in essere alla data del __________ (data di bilancio), o chiusi successivamente _________ (data di inizio dell’esercizio) specificando, sempre con riferimento alla data suddetta, riportando quanto segue:

a) La denominazione, il numero e la valuta di ciascun conto.

b) I saldi di tutti i conti in essere, con indicazione anche dei rapporti pareggiati.

c) I saggi di interesse. d) L’importo degli interessi maturati ma non ancora addebitati o accreditati al __________

e) Restrizioni o condizioni speciali.

f) Garanzie fornite da noi o da terzi, a qualsiasi titolo.

g) Le eventuali date di scadenza ed eventuali accordi di rinnovo.

h) Le massime facilitazioni di credito consentiteci. Vi preghiamo inoltre di allegare alla Vostra risposta:

i) Le copie degli estratti conto, per ciascuno dei conti di cui al punto (a), per il periodo dal _______ (data di bilancio) al ____________

l) Le fotocopie dei bonifici e di entrambe le facciate di tutti gli assegni pagati e contabilizzati sui nostri conti di cui al punto (a) nel periodo dal ________ al ________ (periodo scelto per un controllo a campione delle operazioni).

2) Un elenco dei titoli e degli altri valori da Voi detenuti per nostro conto, specificando le eventuali limitazioni alla libera disponibilità dei medesimi da parte nostra.

Leggi Anche  Obbligo fatturazione elettronica da gennaio 2019

3) Un elenco dettagliato, con i relativi importi, dei pagherò cambiari, delle cambiali tratte, delle ricevute bancarie ed altri eventuali titoli da noi depositati presso di Voi per casso o per lo sconto e non ancora da Voi accreditati sui nostri conti al ______________ .

4) Un elenco dettagliato, con i relativi importi, delle anticipazioni da Voi effettuateci per sconto di cambiali, tratte non accettate, ordini di pagamento ed altri eventuali titoli per i quali ci avete dato credito “salvo buon fine”

5) Dettagli di abbuoni, sconti, ristorni o simili relativi ai nostri conti o alle operazioni da noi compiute per i quali non abbia ancora avuto luogo accreditamento in uno dei nostri conti.

6) Le nostre passività o esposizioni (effettive o anche solo potenziali) relative a nostre garanzie da Voi date per nostro conto (quali ad esempio fideiussioni, avalli, ecc.) come pure relative a riporti, aperture di credito, contratti a termine in valuta estera ed altre operazioni in corso di perfezionamento.

7) Numeri di serie o altra identificazione delle cassette di sicurezza e simili a noi affittate ed i nomi delle persone autorizzate ad accedervi. 8) Un elenco delle firme autorizzate a compiere operazioni con la Vostra banca, specificando se con firma singola o congiunta e altre limitazioni. 9) Una descrizione generale di eventuali istruzioni permanenti, in base alle quali potreste effettuare operazioni per nostro conto, senza formale ordine scritto, (quali, ad esempio, ordini di pagamento a mezzo telegrammi cifrati, telex, telefono, ecc.). Vogliate considerare questa nostra richiesta alla stregua di istruzioni irrevocabili da noi impartite. RingraziandoVi per la Vostra collaborazione, distintamente

Vi salutiamo.

Società ________________________

Legale Rappresentante