Come funziona il cashback del governo?

Una delle iniziative lanciate nello scorso anno dal Governo Italiano, con lo scopo di incrementare gli acquisti effettuati con modalità “elettronica”, è il Cashback di Stato, per mezzo del quale i cittadini possono ottenere un rimborso in denari a fronte degli acquisti effettuati, con un importo annuo di 300 euro suddiviso in due tranches semestrali del valore di 150 euro ognuna.

Oltre a questo rimborso sono previsti anche dei bonus da 1500 euro. Nello scorso mese di dicembre è stato lanciato l’esperimento del Cashback Natale che ha riscosso un ampio successo e dal 1 gennaio è entrato a regime quello annuale. Vediamo insieme quali sono le condizioni per poter partecipare a questa iniziativa, per maggiori informazioni vi rimandiamo a Finanzamia, un sito dedicato alla finanza italiana.

Il funzionamento del Cashback

I cittadini italiani che vogliono partecipare al Cashback devono iscriversi. Dopo la registrazione sul portale, pagando gli acquisti effettuati con i metodi cashless ovvero con carta di credito, bancomat, carta prepagata o di debito e “app di pagamento”, vedono gli importi relativi accreditati sul portale. Al termine del semestre, se sono state effettuate almeno 50 transazioni con questo metodo viene rimborsato il 10% dell’importo speso, con un massimo di 150 euro. Il rimborso arriva direttamente sul conto indicato al momento dell’iscrizione. Per quanto riguarda i vari pagamenti non esiste un limite minimo di spesa.

Le modalità di partecipazione al Cashback

Per avere diritto al rimborso Cashback è necessario essere residenti in Italia e maggiorenni. In una famiglia possono partecipare tutti i componenti che rientrano in questa casistica, in quanto l’importo è cumulabile. Ad esempio una famiglia composta da 2 genitori e 2 figli maggiorenni, si possono ottenere fino a 1200 euro di rimborso in un anno.

Leggi Anche  Criptovalute, l’Ucraina vuole legalizzarle

La durata del cashback è stata stabilita sino al 30 giugno 2022, per cui nei tre periodi semestrali è possibile ottenere un rimborso massimo di 450 euro a persona. I partecipanti al Cashback possono concorrere anche al Super Cashback, un premio speciale con un importo che può arrivare sino a 3.000 euro, che al termine di ogni semestre viene concesso secondo il numero delle transazioni che vengono effettuate nel periodo e che spetta ai primi 100mila classificati per numero di operazioni.

Gli acquisti validi per il cashback e il pagamento

I rimborsi del Cashback sono concessi soltanto per gli acquisti effettuati presso supermercati, ristoranti, alberghi, bar, e pagati tramite “pos” od in alternativa con altri strumenti elettronici. Sono inclusi tra i pagamenti ammessi anche quelli verso professioni o artigiani sempre con lo stesso tipo di pagamento. Sono invece esclusi dal cashback gli acquisti effettuati con modalità online e quelli concernenti attività artigianali, professionali o di impresa, oltre a quelli effettuati al difuori del territorio italiano, i pagamenti effettuati a mezzo bonifico bancario, i prelievi presso gli sportelli automatici e le ricariche telefoniche.

Il pagamento del rimborso avviene nei 60 giorni successivi al termine del semestre, quindi per quello che termina il 30 giugno i pagamenti saranno eseguiti, sul conto corrente indicato al momento dell’iscrizione, entro il 29 agosto 2021.